giovedì 10 agosto 2017

piccoli consigli per il blog e per voi:

oggi stavo pensando, ma il blog? cosa è successo? io qui dentro non ci scrivo da tanto tempo, quindi stavo pensando, perchè non scrivere un articolo dove do dei consigli ai prossimi autori. Mi è sembrata una buona idea, quindi il 31 luglio ho cominciato a scrivere.Ecco a voi dei piccoli consigli (questo articolo lo sto rifacendo dato che mi si è cancellato :c) *




CONSIGLI BLOG:  
1. all'inizio dell'anno, stai attento/a quando il prof. vi spiegherà come impaginare l'articolo, mettere le immagini, i link, i video... perchè voglio vedere articoli migliori dei nostri, il blog deve andare avanti, non regredire.
 2. avrai il permesso di andare su youtube, bene, non devi abusarne, una volta abbiamo messo la versione di pink fluffy unicorn, quella da 30 minuti su un computer e che cosa abbiamo fatto quel giorno? nulla. Quindi per favore, se devi ascoltare la musica per fare l'articolo almeno portati delle cuffiete e lavora.
3. non serve fare copia incolla da altri blog, questo è il blog della scuola, parla di cosa è successo questa estate come primo articolo, delle tue passioni, parla di ricette, di anime (Rabab e Alessandro, qui mi rivolgo a voi) parla di quello che ti caratterizza.
4. a volte se non sempre lavorerai in coppia, l'attività di blog è nata soprattutto per legare oltre che per sostituire il vecchio gruppo d'informatica. spero vi piaccia.

ALTRI PICCOLI CONSIGLI:
Esami:
dire che dovrete studiare mi sembra una cosa un po' ovvia, quindi non lo ribadirò, semplicemente, so che siete in ansia per gli orali, se vi devo dire la verità, adesso sembra una grande cosa, appena lo avrete finito sarete, quasi come dire, mmh, stupiti di aver pensato fossero così difficili, solo una cosa, gli esami durano dalla mezz'ora ai 50 minuti,se saprete esporre perfettamente i primi argomenti, quindi dilungandovi e approfondendoli perfettamente dopo 40 minuti vi manderanno fuori,quindi, avete tutto il tempo del mondo, non andate come un treno perchè tanto vi fermeranno dopo un po', io che ho portato il Giappone (si collega un po' con tutto, ve lo consiglio) la professoressa Munari mi ha chiesto di Leopardi dopo che io ho parlato di Ungaretti, quindi due cose diverse. Un' ultima cosa sul tema esami, non portate cose mai sentite e/o mai viste, ve lo dice una che per gli argomenti troppo difficili ha cambiato la tesina tre giorni prima dell'orale, quindi non complicatevi la vita




*questo articolo non ha immagini perchè il computer che ho, è la cosa più lenta e più vecchia del mondo, questa mattina ho finito il mio articolo e me lo ha cancellato, allora voglio proporvi una sfida nuovo gruppo del blog, quando il prof. vi avrà spiegato come mettere le immagini, voi dovrete modificare questo articolo. 
ciao ragazzi.
fumagalli.



 

venerdì 30 giugno 2017

Addio a questo gruppo d'informatica

Siamo ormai giunti alla fine di questo anno scolastico, e ciò significa che il nostro gruppo lascerà spazio classi alle classi seconde, che a settembre diventeranno terze.



Ora però facciamo un resoconto di quest'esperienza; sul blog sono stati pubblicati un centinaio di articoli, frutto del nostro lavoro e delle nostre ricerche per trovare temi originali. Abbiamo cercato di intrattenevi senza annoiarvi, scrivendo articoli di diverso genere per coinvolgere tutti i lettori, ma anche tutta la redazione. Personalmente mi è piaciuto molto poter condividere ciò che mi piaceva e mi attirava, con altre persone, che potrebbero aver preso spunto o aver scoperto qualcosa da quello che hanno letto. Con questo articolo il nostro gruppo "chiude" e "passa il testimone". 


giovedì 8 giugno 2017

I video boomerang

Da qualche tempo Instagram ha inserito nella funzione storie  i video boomerang, che prima si potevano creare solo con l'apposita applicazione. Con questa funzione è possibile fare una serie di foto che vengono ripetute in un breve video dall'inizio alla fine e viceversa, proprio come il boomerang quando lanciato torna indietro.
Per creare un video boomerang La procedura è semplice. 
Da Instagram si va nella  funzione Storie, si seleziona la fotocamera e si sceglie il simbolo di infinito (∞).
Con l'app invece si deve solo schiacciare il "pulsante" centrale ed una volta fatto il video si sceglie la modalità per condividerlo. Il video può essere salvato nel dispositivo o inviato ai contatti Instagram.

venerdì 26 maggio 2017

I segreti delle bibite gassate



LA STORIA DELLE BIBITE GASATE La produzione industriale delle prime bibite gasate si deve all'inglese Joseph Priestly. Fu lui, nel 1767, a mettere a punto un sistema per aggiungere anidride carbonica all'acqua. All'inizio la bevanda era usata come rimedio medico ma, a partire dal 1820, si cominciò ad aromatizzarla con zenzero, cola, chinino, limone o chinotto.

Il ginger Ale (allo zenzero, ginger in inglese) apparve nel 1851, la DrPepper (la prima fabbrica di bibite negli Usa) nel 1885, la Coca-Cola nel 1886, la Pepsi nel 1898, la 7-Up nel 1929, il Chinotto San Pellegrino nel 1932. 

In questa gallery abbiamo raccolto storie e curiosità su alcune di queste bibite e di altri soft drink più recenti, ma altrettanto famosi.




 PEPSI La Pepsi-Cola fu inventata nel 1893 da un farmacista del North Carolina di nome Caleb Davis Bradham, da cui il primo nome "Drink di Brad". L'idea era quella di fare concorrenza alla Coca-Cola, nata pochi anni prima. Il nome Pepsi arriverà solo 5 anni dopo (nel 98), quando tra gli ingredienti compare la pepsina, che secondo Bradham serviva a scongiurare una cattiva digestione. Tra i suoi record, quello di essere stata la prima bibita a sperimentare il bottiglione di plastica da 2 litri e lo sbarco nel 1972 nei negozi russi, primo tra i drink occidentali a essere distribuito nel mondo sovietico, dopo che Nixon (non ancora presidente) nel 1959, l'aveva fatta assaggiare a Nikita Krushev. Pare che al leader russo fosse piaciuta molto.



FANTA La sua storia è legata a doppio filo a quella della Seconda Guerra mondiale. Alla fine degli anni '30 la Coca-Cola godeva di grande successo in Germania. Ma con la guerra gli impianti tedeschi della Coca-Cola cominciarono ad avere difficoltà a ottenere tutti gli ingredienti necessari per la produzione della bibita. Un dirigente particolarmente solerte, Max Keith ebbe l’idea di continuare a produrre una bibita gassata con quello che c’era a disposizione cioè siero di latte e mele. Keith chiese ai venditori di esercitare la loro fantasia per trovare un nome alla nuova bibita: e dal brainstorming venne fuori… Fanta. La nuova bibita era servita. Quando la casa madre lo scoprì, alla fine della guerra, ne sospese la produzione.

Poi una bibita di nome Fanta rivide la luce nel 1955 a Napoli, nella versione con arance, prodotta dalla SNIBEG. La Coca Cola trovò l’idea irresistibile e nel 1960 se la comprò.


                                  

 ARANCIATA SAN PELLEGRINO A differenza di altre famose bibite nate per caso, l'Aranciata San Pellegrino ha una tradizione nobile: è figlia dell’acqua minerale delle terme di San Pellegrino, in provincia di Bergamo. Pare che l’idea dell’aranciata venne al padrone della San Pellegrino, il Cavalier Ezio Granelli, durante la Fiera Campionaria di Milano del 1932, quando decise di offrire agli ospiti la sua acqua minerale allungata con succo di arance italiane.
Fonte:  focus
Susy04, Ali03

Samsung crea lo Schermo elastico

Al momento le applicazioni pratiche dei display OLED flessibili non hanno ancora invaso il mercato, ma la tecnologia si sta evolvendo sempre di più: l’ultimo esemplare mostrato da Samsung Display misura 9,1 pollici di diagonale e può essere piegato, arrotolato e perfino incavato e stiracchiato, tornando poi alla propria configurazione originale come se niente fosse successo. Si tratta di un display capace di sostenere torsioni e urti le cui proprietà elastiche non sono esagerate, ma sufficienti a fare sì che si adatti alle più svariate tipologie di superficie. Samsung vede un futuro roseo per il suo display soprattutto nel campo delle strumentazioni automobilistiche, degli indumenti smart e in generale dei dispositivi indossabili, ma i lavori sono ancora in corso e i primi prodotti commerciali non sono sicuramente dietro l’angolo. 


Il gruppo coreano sta lavorando anche sulla densità di pixel che caratterizza i suoi pannelli. Un altro dei prototipi mostrati è un mini display da 1,96 pollici a risoluzione 4K, una definizione esagerata di 2250 pixel per pollice che servirà ad applicazioni come la realtà virtuale, dove è fondamentale che l’occhio non percepisca la matrice di punti luminosi neanche a distanze ravvicinate e con una lente di mezzo. Anche in questo caso non è chiaro quando i primi visori equipaggiati con display del genere arriveranno sul mercato, ma non c’è fretta: allo stato attuale non esistono macchine acquistabili dal grande pubblico in grado di gestire flussi video di tale portata.


fra03

Attentato a Manchester

L'attentato del 22 maggio 2017 a Manchester è stato un attacco suicida avvenuto alle 22:33 locali alla Manchester Arena di Manchester, in Inghilterra, al termine del concerto della cantante statunitense Ariana Grande. L'esplosione ha provocato 23 morti (incluso l'attentatore) e 122 feriti, il che lo rende il peggior attacco avvenuto nel Regno Unito dagli attentati di Londra del 2005.


Il "logo" del #prayformanchester presenta due orecchie da coniglio, il simbolo della famosa cantante Ariana Grande,  fortunatamente rimasta illesa.
23 persone, compreso l'attentatore, sono state uccise e almeno 122 sono rimaste ferite, tra le quali almeno 12 erano bambini al di sotto dei 16 anni.
L'autore dell'attentato è un kamikaze di 22 anni.

Autori: ele03, auri02

venerdì 19 maggio 2017

Gelati: i gusti più strani

Ormai sta arrivando l'estate e sentiamo l'esigenza di freschezza e dolcezza, unite in una sola parola: GELATO.
Questi però non sono i soliti gusti a cui siete abituati!

IL GELATO ALL BLACK (TUTTO NERO). Chissà cosa direbbe Marco Polo, che importò in Italia i primi gelati dalla Cina: in una gelateria di Los Angeles, la Little Damage Ice Cream Shop, il pezzo forte è un gelato tutto nero, a partire dal cono, che deve il suo colore al carbone attivo.                                                                                                                                   

Molto famoso in francia è il gelato alla lavanda che consiste semplicemente nell'aggiungere al gelato fiordilatte l'aroma della lavanda. 


GELATO AL BACON. Nelle gelaterie sul lungomare di Rehoboth nel Delaware (Usa), la specialità è il gelato al bacon, declinato anche nella versione al cioccolato. Molto richiesti anche i milkshake sempre al sapore di bacon: «Ne vendiamo almeno 10 al giorno», ha dichiarato il proprietario alla stampa.


ANCHE GLI ANGELI MANGIANO (GELATI AI) FAGIOLI. In Malesia, a Singapore e nel Brunei uno dei dessert più apprezzati è l’Ais kacang o ABC (letteralmente: fagioli gelati). In origine era fatto soltanto di ghiaccio e fagioli rossi, ma col tempo si è arricchito di semi di palma, mais dolce, gelatina di erba e cubetti di agar agar (gelificante naturale e ricavato da alghe rosse appartenenti a diversi generi). Talvolta lo si trova anche con l'aloe vera.

Bene, finisco qui questa strana classifica e vi auguro a tutti di gustarvi ottimi gelati quest'estate!                 
Fonte:  Focus
susy04